Made in italy extraUE

Paesi BRICS: espansione

I paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) costituiscono un’alleanza economica emergente che rappresenta il 40% della popolazione mondiale e un quarto del PIL globale. Promuovono la cooperazione economica, politica e culturale, e cercano di ridurre la dipendenza dalle istituzioni occidentali, influenzando significativamente l’economia e la geopolitica mondiale.

Cosa sono i BRICS e perché sono importanti

I paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) formano un’alleanza di economie emergenti con l’obiettivo di promuovere la cooperazione economica, politica e culturale. Questo gruppo rappresenta una parte significativa della popolazione e dell’economia globale, influenzando notevolmente il panorama internazionale. I BRICS presentano diverse caratteristiche, come popolazione e mercati, i BRICS rappresentano oltre il 40% della popolazione mondiale oltre che una significativa fetta del PIL globale. Questo dà loro un peso considerevole nei mercati internazionali. Diversificazione economica, i BRICS coprono una vasta gamma di settori economici, dall’energia e risorse naturali (Russia, Brasile) alla tecnologia e produzione industriale (Cina, India) fino ai servizi finanziari (Sudafrica), permettendo così diversificazione e una maggiore resilienza e complementarietà tra i paesi membri.

I paesi BRICS sono importanti per diversi motivi:

  • Influenza Economica: I BRICS sono motori di crescita economica globale. La loro rapida crescita economica ha contribuito a una maggiore dinamica nei mercati internazionali, influenzando le tendenze globali di sviluppo economico.
  • Nuove Istituzioni: Per rafforzare la loro collaborazione, i BRICS hanno creato la New Development Bank (NDB), che finanzia progetti infrastrutturali e di sviluppo nei paesi membri e in altre economie emergenti, e il Contingent Reserve Arrangement (CRA), un fondo di riserva per aiutare i membri in caso di crisi finanziarie.
  • Geopolitica: I BRICS cercano di ridurre la loro dipendenza dalle istituzioni finanziarie e politiche dominate dall’Occidente, come il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e la Banca Mondiale. Promuovono un ordine mondiale più multipolare e bilanciato, sostenendo il multilateralismo e la sovranità nazionale.
  • Cooperazione Settoriale: I BRICS collaborano in molti settori, tra cui scienza e tecnologia, sanità, istruzione e lotta al cambiamento climatico. Questa cooperazione mira a condividere conoscenze, risorse e best practices per affrontare sfide comuni e promuovere uno sviluppo sostenibile.

Espansione

Il 1° gennaio 2024, i paesi BRICS hanno accolto quattro nuovi membri: Egitto, Etiopia, Iran ed Emirati Arabi Uniti. La decisione di espandere il gruppo è stata presa durante il summit di Johannesburg nell’agosto 2023, suscitando un dibattito sulla crescente influenza internazionale dei BRICS.

Dopo questa espansione, l’organizzazione, ora informalmente chiamata BRICS+, rappresenta il 37,3% del PIL mondiale, una cifra significativamente superiore rispetto al 14,5% dell’Unione Europea. Oltre all’aumento del peso economico, l’espansione dei BRICS+ porta con sé una maggiore influenza dei paesi in via di sviluppo all’interno delle organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite, l’Organizzazione Mondiale del Commercio e le istituzioni di Bretton Woods.

 Nonostante i nuovi membri contribuiscano solo per circa il 4% al PIL cumulativo del gruppo, l’importanza di questa espansione va oltre l’effetto economico diretto, enfatizzando un maggiore peso politico e diplomatico del gruppo nel contesto internazionale.

Contattaci per avere maggiori informazioni: info@patrolinternational.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *