Industria a Mosca. Vendere in Russia per 500mila posti di lavoro

Se pensate che dire “Mosca non si ferma” sia un luogo comune, dovete pensare che realmente “Mosca corre”. La cità è sempre più catalizzatore e propulsore di iniziative per vendere in Russia. Anche in tempo di covid-19 infatti la Città e la Regione, non hanno mai smesso di guardare avanti con fiducia e di progettare.

Il Dipartimento per gli Investimenti e la Politica Industriale della città di Mosca è in continuo movimento per coordinare e lanciare progetti per:

  • Costruire e ricostruire
  • Ampliare e integrare
  • Attirare investimenti

Questo viene fatto secondo ampi criteri e competenze che mirano ad attirare investimenti, far interagire competenze, ricostruire aree industriali e urbane. Lo scopo principale? Creare lavoro e nuova mobilità

Cosa fa il Dipartimento per gli Investimenti e la Politica Industriale della città di Mosca?

Il Dipartimento per gli investimenti e la politica industriale della città di Mosca ha la precisa funzione di formare una politica di investimento e un clima favorevole agli investimenti. Essi attraggono e sostengono gli investimenti, sviluppando ed attuando la politica statale della città di Mosca negli ambiti di:

  • industria
  • risorse umane per i settori industriali
  • attività congressuali ed espositive
  • investimenti

I funzionari e tecnici del Dipartimento hanno il compito di sviluppare e determinare le direttive per l’uso delle zone industriali e delle loro infrastrutture. Viene prestata attenziona anche ai territori con regolamenti di pianificazione urbana corrispondenti allo sviluppo delle zone industriali.

Il Dipartimento è l’organo esecutivo autorizzato della città di Mosca per l’interazione con le autorità federali nell’attuazione della politica di investimento e dei progetti di investimento (anche nell’industria). Il Dipartimento coordina la realizzazione di progetti per la creazione di parchi industriali e parchi tecnologici industriali nella città di Mosca, e interagisce anche con il Ministero dell’Industria e del Commercio della Federazione Russa al fine di ottenere sostegno statale.

Supporto finanziario alle imprese industriali per vendere in Russia

Il sostegno statale che il Dipartimento ottiene si concretizza come rimborso dei costi di creazione delle infrastrutture dei parchi industriali e tecnologici.

Nello specifico si tratta di sovvenzioni per rimborso di parte:

  • dei canoni di locazione
  • del costo del pagamento degli interessi sui contratti di prestito, accordi per l’apertura di lettere di credito per l’acquisto di attrezzature
  • dei costi di ‘connessione tecnologica’ ovvero realizzazione di infrastrutture e sistemi tecnologici

Il Dipartimento svolge un’attività intensa per:

  • attirare capitali
  • creare produzione industriale
  • incentivare lo sviluppo tecnologico, infrastrutturale ed edilizio

Di fatto Mosca ha annunciato di prevedere di «attirare 100 miliardi di dollari per lo sviluppo globale delle zone industriali di Mosca».

Si tratta, nella volontà del governo della città, di attuare «un approccio integrato allo sviluppo dei territori che è usato abbastanza raramente a livello mondiale, più spesso avviato da un’azienda non da una città».

Bacino Mosca: grande catalizzatore per vendere in Russia

Se per Mosca riqualificare e sviluppare nuove aree industriali è un imperativo che ha già individuato quasi 2mila ettari di superficie; per le aziende straniere e italiane che già operano o vogliono vendere in Russia è impossibile sottovalutare un bacino potenzialmente interessante per ogni settore merceologico.

Da considerarsi è infatti non solo la possibilità di installare una propria presenza produttiva in una delle Zone Economiche Speciali (ZES) di Mosca, ma di ritagliarsi spazi di vendita di produzioni d’eccellenza: dalla componentistica, ai macchinari, alle forniture per l’industria farmaceutica, all’alimentare, all’abbigliamento.

È infatti da considerare cruciale la crescita stessa nella popolazione che graviterà attorno alle esistenti e nascenti aree produttive – per la loro realizzazione e per la loro vita successiva.

Una notizia apparentemente di “colore”, ma che dà il “peso” della progettazione integrata svolta dal Dipartimento è il successo dell’evento sportivo “Spartakiada”: proposto per la prima volta tra giugno e settembre 2019 dal Dipartimento di sviluppo industriale di Mosca, ha quest’anno catalizzato un’attenzione in parte inattesa.

Nonostante le restrizioni imposte dalle norme anti covid-19, più di 14 Università metropolitane specialistiche e 106 imprese industriali della regione di Mosca hanno partecipato all’evento sportivo: più di 3.000 persone, per lo più ingegneri, tecnologi e manager industriali hanno avuto la possibilità di conoscersi in un ambiente informale.

Un bacino crescente di popolazione giovane, preparata e che verosimilmente si stabilizzerà nel grande territorio della Regione di Mosca contribuendo al suo sviluppo.

A Mosca la prima asta in Russia per un contratto di sviluppo integrato

Il 17 settembre 2020 durante una riunione della Commissione per l’Urbanistica e il Territorio di Mosca, è stato deciso di procedere alla prima asta per un progetto di sviluppo integrato. A beneficiarne è stata la zona industriale di Korovino. Il contratto avrà validità 15 anni e l’investitore dovrà costruire strutture pubbliche e industriali su un’area di 616 mila metri quadrati.

La decisione va guardata alla luce dell’avvio di un altro progetto integrato per il territorio decisa nell’agosto 2020: la riqualificazione di altri due territori nella medesima area Korovino per un volume di investimenti potenziali di 15,7 miliardi di rubli. «Il volume di investimenti privati nel nuovo progetto industriale di Korovino –ha spiegato il vice Sindaco di Mosca– potrebbe ammontare a circa 40 miliardi di rubli».

Sotto la lente anche la zona industriale di Avtomotornaya, dove si prevede costruire strutture pubbliche, residenziali e industriali su un’area di oltre 77 ettari con la creazione di circa 18mila nuovi posti di lavoro.

Nel complesso, i progetti per lo sviluppo integrato di un’area industriale possono dare alla città circa 500mila posti di lavoro e quasi tre trilioni di rubli di entrate di bilancio, e l’investimento totale nella realizzazione dei progetti sarà di circa sette trilioni di rubli.

Una sede a Mosca si rivela strategica per vendere in Russia.

Contattaci per avere maggiori informazioni: info@patrolinternational.com

Lascia un commento